Progetti di Dipartimento 2016-2017

Stranieri di carta, stranieri di voce

Referente del progetto: Laurie Jane Anderson

Il progetto intende gettare le basi per un dialogo tra discipline differenti – letterature, linguistica,  geografia, storia – tutte chiamate a proporre “prove di dialogo” per creare un “laboratorio” di ricerca e di analisi culturale in grado di offrire modelli interpretativi utili ad affrontare le sfide  della società contemporanea, soprattutto nei contesti educativi e di mediazione interculturale. Caratteristica precipua del progetto è la contaminazione tra metodologie d’analisi diverse: dallo spoglio  delle fonti e dall’esegesi critica (condotta con i metodi della comparatistica, della storia, dell’analisi  geo-letteraria), alla ricerca sul campo, qualitativa e quantitativa. La ricerca empirica si snoda peraltro su due piani differenti: raccolta di dati di produzione (soprattutto interviste) e di dati di percezione  (attraverso metodiche indirette).

 

Piano della ricerca
Work package 1
Lo straniero nell’immaginario letterario.
Work package 2
Lo straniero nella voce
Work package 3
Storia e letteratura in movimento: racconti dal territorio dal punto di vista dei migranti
Work package 4
Stereotipi, linguaggi immaginari della differenza e dell’esclusione – il caso dell’antisemitismo

 

Docenti afferenti

Laurie J. Anderson
Roberta Ascarelli
Giancarlo Baffo
Silvia Calamai
Patrizia Gabrielli
Marina Marengo
Simona Micali
Anna Morpurgo
Julio Perez-Ugena
Anne Schoysman
Federico Siniscalco

Follia, malattia mentale, manicomi tra passato e futuro. Istituzioni, idee, territorio

Referente del progetto: Massimo Bucciantini

Il progetto, concepito in una prospettiva multidisciplinare, intende esplorare l’intreccio tra follia, malattia mentale, ruolo delle istituzioni manicomiali in una chiave storica di lungo periodo, studiandone alcuni passaggi cruciali anche sul piano del dibattito filosofico e delle moltepliciricadute nel tessuto politico e sociale del contesto italiano. La declinazione territoriale appare in questo caso particolarmente ricca di opportunità. La presenza ad Arezzo di un importante  ospedale psichiatrico, che per quasi un secolo ha avuto un ruolo centrale nella vita della comunità  locale, suggerisce di dedicare un’attenzione specifica alle molteplici connessioni disciplinari  che rendono meglio intelligibile la vicenda di questa istituzione e le sue eredità. . La ricerca sarà anche l’occasione per interagire con tutta una serie di esperienze – non  solo locali – che si sono sviluppate dopo la chiusura dei manicomi e che vedono protagonisti istituzioni e associazioni di volontariato, psichiatri e operatori sociali, amministratori e intellettuali, oltre che naturalmente gli “ex-malati” e le loro famiglie: un ricco universo che sarà non solo oggetto di indagine (ad esempio dal punto di vista sociologico) ma potrà divenire attivo protagonista di una proficua interazione tra indagine accademica, dibattito politico e nuove soggettività sociali.

 

Piano della ricerca
Work package 1: Avvio della ricerca
Work package 2: Sviluppo delle ricerche secondo le diverse linee disciplinari
Work package 3: Progettazione del sito web
Work package 4: Interazione con la realtà sociale aretina
Work package 5: Progettazione e realizzazione del convegno internazionale

 

Docenti afferenti

Abbri Ferdinando
Baioni Massimo
Bianchi Francesca
Brogi Stefano
Bucciantini Massimo
Franceschi Franco
Gonnella Stefano
Micali Simona
Occhini Laura
Roberto Sebastiano
Sabbatini Renzo

Sostenere lo sviluppo di comunità riflessive nei contesti di vita, lavoro e cura

Referente del progetto: Francesca Bianchi

L’obiettivo della ricerca è quello di studiare come supportare i processi di apprendimento trasformativo nella vita quotidiana e negli ambiti caratterizzati da eventi critici e/o disorientanti. Da un lato, si indagherà sui contesti urbani con particolare riferimento alle categorie della socialità, sostenibilità e fruizione culturale. Dall’altro, si opererà con metodologie di intervento sul rapporto tra dilemmi disorientanti e apprendimento trasformativo degli adulti.

 

Piano della ricerca

Work Packages 1 (WP1) Apprendimento trasformativo nei setting della vita quotidiana
Work Packages 2 (WP2) L’apprendimento degli adulti di fronte ad eventi disorientanti: il caso
della malattia oncologica

 

Docenti afferenti

Sergio Angori
Francesca Bianchi
Enrico Cheli
Loretta Fabbri
Claudio Melacarne
Laura Occhini
Paolo Piccari
Sebastiano Roberto
Bruno Rossi
Simone Zacchini

Documenti allegati: