“Altri Palcoscenici” - 5 maggio 2021

Mercoledì, 5 Maggio 2021

“Altri Palcoscenici”: i disturbi dello spettro dell’autismo tra autoironia, narrazione, recitazione e scrittura. Al Dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena il 5 maggio 2021 dalle ore 14 alle ore 16.

 

Gli iscritti riceveranno il link per partecipare alla pagina webex dove si svolgerà l’evento.
Link iscrizioni: https://forms.gle/Vaayrm1Fd66MeHun8
L’evento potrà essere seguito in streaming sulla pagina: https://www.youtube.com/watch?v=udHySvO2iFc

 

Introducono Ferdinando Abbri (Direttore del Dipartimento DSFUCI) e Loretta Fabbri (Presidente del corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione).
“Altri palcoscenici” è un evento sull’inclusione e la neurodiversità, un evento su come i disturbi dello spettro dell’autismo vengono solitamente narrati, a volte fraintesi nei suoi contorni relazionali e sociali e come, spesso, siano accompagnati da pregiudizi e da distorsioni di senso. In questa giornata, organizzata dalle docenti Laura Occhini e Alessandra Romano incontreremo alcuni protagonisti che affrontano la neurodiversità mediata da strumenti comunicativi che vanno dal cinema al fumetto, dalla scrittura fino all’uso dei video che coinvolgono migliaia di followers nei social.

 

Ci accompagneranno i Terconauti (Damiano e Margherita Tercon con Phillipp Carboni) noti sui social (facebook, Instagram, TikTok) e in televisione per la cifra ironica con cui narrano la quotidianità del vissuto di Damiano e di sua sorella Margherita. Insieme parleremo anche del libro “Mia sorella mi rompe le balle. Una storia di autismo normale” scritto a 4 mani, edito da Mondadori e vincitore del Premio Letterario Internazionale Milano International e del sodalizio con Philipp Carboni che ha dato vita alla serie a fumetti delle avventure del trio.
Incontreremo poi Daniele Bonarini e Sara Borri della Poti Pictures (casa Cinematografica aretina) che, con l’università di Siena ha avviato, ormai da due anni, una fitta collaborazione per la costruzione del metodo di apprendimento mediato dell’Academy per attori con disabilità intellettiva e che, spesso, sono stati ospiti di eventi organizzati dal dipartimento.
Parteciperà, infine, Autismo Arezzo che introdurrà il tema del “sibling”, il rapporto delle persone con neurodiversità con i loro fratelli e sorelle.